Nebua
INSPIRE WITH STYLE

[instagram-feed num=10]

Join Us

Scopri il nuovo Magalog di Nebua World

Search

Nebua World
  -  Cultura   -  Black Lives Matter a Roma: tra speranza e dispiacere

La Piazza del Popolo del 7 giugno 2020 è stata sorprendentemente gremita e socialmente distanziata per supportare il movimento Black Lives Matter ed esprimere lo sdegno per la morte di George Floyd, uomo afroamericano ucciso per mano della polizia a Minneapolis in Minnesota. 

black lives matter
Credits: AJ Fitzgerald

Io come persona sono generalmente piena di speranze, ma, allo stesso tempo, so anche essere molto obbiettiva. 

Gli ultimi anni di attivismo con Italiani Senza Cittadinanza di sicuro hanno influito di più sulla mia obiettività, perché ci siamo spesso dovuti battere con pochissimi alleati, se non soli, per una riforma sulla cittadinanza più giusta ed inclusiva nei confronti di ragazze e ragazzi figli di genitori immigrati, ma nati o cresciuti in Italia. 

Partecipare alla manifestazione Black Lives Matter di Piazza del Popolo però mi ha fatto dato un po’ di speranza.

Erano presenti diverse generazioni: c’erano i più anziani, ma la piazza di domenica 7 giugno era una piazza particolarmente giovane, colma di tantissimi ragazzi e ragazze afrodiscendenti italiani e migranti.

Quel giorno abbiamo viaggiato mentalmente negli Stati Uniti, ascoltando i fratelli e le sorelle afroamericani di base a Roma, poi siamo stati riportarti in Italia, anche con un discorso chiaro e conciso da parte di Susanna Owusu Twumwah, di “Questa è Roma”.

L’associazione si occupa di attività sportive e culturali al fine di creare un concetto di cittadinanza più inclusivo e meno discriminatorio nella capitale.

black lives matter
Benedicta Djumpah, Ada Ugo Abara, Susanna Owusu Twumwah

Susanna ha chiaramente spiegato che, anche se conosciamo un razzismo diverso in Italia da quello statunitense, non ne possiamo negare l’esistenza.

In troppi in questo Paese accettano la convivenza con:le leggi ingiuste sull’immigrazione come la Bossi-Fini, lo sfruttamento dei corpi neri sulle strade italiane, una legge sulla cittadinanza in cui ancora prevale fortemente un concetto d’italianità basato sul sangue

“Grazie” ai Decreti Sicurezza, se non sei italiano di sangue puoi essere strappato della tua italianità con molta più facilità con la perdita della cittadinanza. 

black lives matter

La conversazione intorno al movimento Black Lives Matter è ora più che mai globale e contestualizzata.

Le persone nere e non, hanno preso più coraggio nel denunciare il razzismo anche nei loro Paesi soprattutto Europei, ma non solo.

Hanno fatto presente ai loro connazionali l’utilizzo di due pesi e due misure per quanto riguarda la lotta dei neri americani per cui erano pronti per scendere in piazza, come se contassero di più rispetto alla lotta dei loro connazionali o i migranti neri. 

black lives matter

La tempistica di questo articolo può sembrare inadatta, dato la minor attenzione mediatica o sui social, ma non lo è. L’antirazzismo, la lotta per l’uguaglianza e per l’equità sono un lavoro constante e quotidiano, del quale troppi si dimenticano. 

L’augurio è che chi è sceso in piazza o ha espresso solidarietà al movimento Black Lives Matter possa continuare l’impegno e la lotta nel quotidiano, nella vita personale e lavorativa, e per chi continua a rimanere in silenzio, forse è tempo di chiedersi se siete complici del sistema. 

Black Lives Matter in Rome: between hope and disappointment: page 2 English version.

We are Nebua – Iscriviti alla nostra newsletter!

* indicates required


Please select all the ways you would like to hear from Aida:

You can unsubscribe at any time by clicking the link in the footer of our emails. For information about our privacy practices, please visit our website.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.


Mi chiamo Benedicta Djumpah, sono nata e cresciuta in provincia di Brescia e ho origini Ghanesi. Sono laureata in International Relations and Politics presso la London Metropolitan University e ho conseguito una laurea magistrale presso la UNINT in Relazioni Internazionali. Sono attivista del movimento "Italiani Senza Cittadinanza" e lavoro per un campus statunitense di base a Roma. Nel mio ruolo come coordinatrice ho un focus particolare sulle tematiche di diversità ed inclusione, aiutando gli studenti a navigare le differenze culturali, di genere ed etniche tra Italia e Stati Uniti.