Nebua
INSPIRE WITH STYLE
Join Us

Search

Nebua World
  -  Cultura   -  Marilena Delli Umuhoza e i baci razzisti di Negretta, il suo nuovo romanzo
Marilena Umuhoza

Ho incontrato Marilena Delli Umuhoza, la prima volta nel 2016, in occasione della presentazione del suo primo libro “Razzismo all’italiana – Cronache di una spia mezzosangue”.

Era stato un pomeriggio, quello a Parma, di piacevoli scambi e dibattiti nonostante il tema non sempre felice.
Ritrovate con la consapevolezza e la maturità della nostra identità, che ci permetteva di sorridere a quel “Negretta” che ci ha fatto compagnia da piccole, avevamo deciso di guardare al futuro con la speranza che le prossime generazioni di afro-europei non dovevano più sentirsi affibbiare quelle etichette. Da quell’incontro è nata una bella amicizia, che coltiviamo ancora oggi, nonostante le distanze.

2020, sono passati 4 anni dalla presentazione di “Razzismo all”Italiana” e nulla è cambiato, se non poco. Ci ritroviamo in una mattina di mezza estate, in un angolo di pace, nella nostra adorata Venezia.

Tra risate e qualche lacrima Marilena mi racconta della nascita di “Negretta – Baci Razzisti” il suo primo romanzo young adult che fa seguito al mémoir “Razzismo all’italiana – Cronache di una spia mezzosangue”, pubblicato da Red Star Press, con la postfazione di Stella Jean.

L’idea è nata dal fatto che fin da piccola non mi sentissi rappresentata dal mondo dei mass media, del cinema o dell’arte in generale. Oltre al fatto che le rare persone nere rappresentate fossero ridicolizzate, criminalizzate o schiavizzate. Sono cresciuta nella quasi totale assenza di modelli neri positivi, a parte mia madre naturalmente.

– Marilena Delli Umuhoza
Marilena Umuhoza

Questo romanzo si ispira alla sua famiglia e segue le vicende di Marilena, ragazzina afroitaliana cresciuta negli anni ’80 e ’90 nella roccaforte leghista per eccellenza: Bergamo.

Sua madre rwandese, sopravvissuta a tre genocidi, che si sente più italiana che africana, spinge la figlia a integrarsi, obbligandola a usare saponi sbiancanti e prodotti per lisciare i capelli. Marilena si sente spesso ripetere dalla mamma: “La gente ci rispetta solo perché tuo padre è bianco” e “Noi partiamo svantaggiati. Loro ci guarderanno sempre come esseri inferiori. Per questo devi rimboccarti le maniche dieci volte più degli altri”. E così ha fatto.

Sua padre bergamasco doc, ex missionario e leghista fino al midollo, si sente alla fine più africano che italiano. Ha lasciato la Chiesa in nome dell’amore, pagando un prezzo altissimo: viene emarginato dai familiari e anche dalla società, che lo forzerà a svolgere i lavori più sottopagati, nonostante il suo vasto bagaglio culturale.

Essere donna, nera, intelligente per Marilena non è stato facile, soprattutto essere tutto ciò a Bergamo. E’ diventata grande sentendosi chiamare “Negretta” e cresciuta trovando ogni giorno la forza per affrontare le ferite inferte alla sua anima dal sessismo, dal disprezzo per i poveri e dalla xenofobia.

Negretta” è il nome con cui è stata chiamata dalle infermiere appena nata, da compagni e insegnanti, impiegati comunali e familiari, conoscenti e non. “Negretta” è il nome con cui è stata chiamata anche sua figlia.

Quella di Marilena e del suo libro “Negretta” è una battaglia per l’affermazione di un’identità afroitaliana che non rinuncia a sfoderare l’arma dell’ironia, costruendo un labirinto di finali imprevedibili, di passioni irrinunciabili e di consapevolezze strappate al disprezzo di chi, pagina dopo pagina, dall’alto del suo machismo e del suo razzismo più o meno conclamato, sarà costretto a scoprire di essere già stato sconfitto dalla storia.

Ma “Negretta” è soprattutto la storia di un’amicizia nata su uno scuolabus: dove il coro razzista si indirizzava a Marilena, etichettata come “Caffè” perché troppo nera, e a Eugenia, chiamata “Latte” perché troppo bianca. Appellativi offensivi che finiranno per diventare il loro orgoglioso nome di battaglia.

Marilena Umuhoza

Marilena Delli Umuhoza: multitalentuosa bergamasca in giro per il mondo

Marilena Delli Umuhoza è dottoressa in Lingue e Letterature Straniere (Università degli Studi di Bergamo). A Los Angeles ha studiato teatro e regia presso l’Università della California UCLA. All’Africa ha dedicato una tesi sul Cinema e uno studio sulla tribù Ayao in Malawi. Regista del documentario Rwanda’ Mama, selezionato al Festival del Cinema Sudafricano nel 2009, ha firmato documentari e video musicali con band dall’Europa, Africa, Asia e Stati Uniti. Tra questi Jovanotti, Malawi Mouse Boys, Tinariwen, vincitore di un Grammy nel 2011, e Zomba Prison Project, nominato ai Grammy’s del 2016. Sul suo sito potete vedere tutti i progetti ai quali ha lavorato

In lei vedo una grande donna capace di trasmettere coraggio con dolcezza e col giusto pizzico d’ironia che non guasta mai! Anche Marilena possiede il fattore N, che ritroviamo nel nostro video-manifesto.

Oggi da mamme, continuiamo a portare avanti le nostre “lotte”, le nostre passioni, per la costruzione di una società in cui si venga riconosciuti semplicemente come “Cittadine Del Mondo”.

We are Nebua – Iscriviti alla nostra newsletter!

* indicates required


Please select all the ways you would like to hear from Aida:

You can unsubscribe at any time by clicking the link in the footer of our emails. For information about our privacy practices, please visit our website.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.

Mi piace definirmi un essenza afroitaliana, una cittadina del mondo. Sognatrice e un po’ nerd a modo mio, sono una ragazza curiosa che ha tante passioni e adora la bellezza della vita.

Privacy Policy